rossonerisiamonoi-milan-uva-michele-uefa-vicepresidente
Getty Images
Tempo di lettura: < 1 minuto

UVA UEFA CORONAVIRUS – Il Vicepresidente dell’UEFA, Michele Uva, ha parlato alla Gazzetta dello Sport di quello che potrebbe essere il futuro del calcio in relazione all’emergenza Coronavirus e ai dettami sanitari che la stessa impone. Ecco le sue parole.

Coronavirus e calcio, le parole di UVA

“Ogni decisione che verrà presa avrà come principio base e inderogabile la salute pubblica. Siamo particolarmente soddisfatti di essere riusciti a trovare un percorso condiviso con 55 Federazioni, con l’Eca, le European Leagues e i giocatori. C’è un tavolo permanente per aiutare federazioni, leghe e club a riprendere e terminare i campionati inserendo nel mezzo i turni delle coppe europee”.

Uva: “Le Coppe per noi sono prioritarie”

“Giocare prima i campionati e poi le Coppe? Non è la nostra prima opzione. Se il campionato non si gioca per decreto governativo è un conto. Se invece c’è la possibilità di allenarsi e giocare ma il campionato è stato sospeso, un club può partecipare alle coppe”.