rossonerisiamonoi-milan-tomori-fikayo-giocatore-milan
LaPresse
Tempo di lettura: 2 minuti

MILAN TOMORI INTERVISTA – Il difensore inglese del Milan Fikayo Tomori è intervenuto ai microfoni di DAZN durante la prima puntata del format ‘Culture‘. Ecco le sue parole.

L’intervista a Tomori: a tutto campo dalle sue origini ad oggi

“Mi sento molto nigeriano. Quando ero piccolo i miei genitori mi parlavano in Youruba, il gruppo etnico a cui appartenevo. Il mio cibo preferito è il riso Jollof, una specie di stufato di riso; non so bene come descriverlo, ma è un piatto molto saporito, molto africano, molto forte. Quando mia madre aveva 22-23 anni, mio padre si trasferì in Inghilterra e mia mamma fece un viaggio in Canada per vedere un’amica; mio padre andò a trovarla, stavano già insieme a quel punto e sono nato io. Mi sono trasferito da piccolo in Inghilterra, anche se poi tornavo in Canada ogni anno; ho molti amici di famiglia lì: quando penso al Canada mi vengono in mente solo belle cose. All’inizio giocavo per il Canada. Ho fatto la prima partita in Messico, poi il marzo successivo contro l’Inghilterra in Inghilterra; c’erano molti miei compagni di squadra e amici, tra cui Aina e Rashford: avevamo giocato insieme il sabato e poi li ho sfidati con la nazionale, e abbiamo anche vinto”.

Tomori sull’amicizia col giallorosso Tammy Abraham

“Sono molto contento per lui. Ci sentiamo praticamente tutti i giorni. Abbiamo iniziato a giocare nel Chelsea che avevo 7 anni e poi siamo arrivati in Prima Squadra: è lì che vuoi arrivare quando cresci, ma non sai se accadrà mai. Mi ricordo quando ho segnato il primo goal e lui ha segnato una tripletta: è stato il giorno più bello della nostra vita”.

Sulla sua esperienza al Milan

“Tornare al Chelsea con lui? Adesso sto benissimo al Milan, amo il Milan. Ovviamente il Chelsea è stato parte importantissima della mia vita per 15 anni e sono riuscito a realizzare i miei sogni giocando in tutte le competizioni, ma adesso sono molto felice al Milan e sono felice di quello che stiamo facendo; adesso abbiamo anche la Champions League finalmente e magari possiamo vincerla come ha fatto il Chelsea“.

Sulla città di Milano

“Sto molto bene qui. È differente rispetto all’Inghiltterra: i ritmi sono più rilassati, lì sono tutti sempre di fretta, qui è tutto più tranquillo. Mi piace lo stile di vita italiano: dopo l’allenamento ti bevi un caffe, ti fai una passeggiata tranquillo… Mi ricordo la prima volta che ho visto il Duomo: è stato…  wow! È stato qualcosa di speciale, così imponente, così italiano”.