Shevchenko: "Inter più avanti rispetto al Milan. Ecco perché Conte ha scelto i nerazzurri"

21 Settembre 2019
- Di
Arianna Botticelli
Tempo di lettura: 2 minuti

SHEVCHENKO MILAN INTER DERBY INTERVISTA - Il derby è una partita a sé, per Andriy Shevchenko. L'ex attaccante del Milan, infatti, ne ha vissuti molti da protagonista in campo ed ha messo a segno tanti gol che i tifosi ricordano con piacere. Oggi, a poche ore dal fischio d'inizio della sfida contro l'Inter, il CT dell'Ucraina ha rilasciato un'intervista a SportWeek.

I derby secondo Shevchenko

“Mi piaceva giocare contro squadre forti, c’era l’atmosfera che preferivo. Quello era un grande Milan e incontrava una grande Inter. Erano serate magiche ed era bello affrontarsi in campionato, ma in Champions era ancora più bello. E se mi chiede quale gol preferisco è facile rispondere: quello segnato in semifinale. Ma ci sono state tante gare incredibili per intensità, rimonte, colpi di scena. Non mi ricordo partite noiose”.

Il primo derby di Giampaolo, le parole dell'ex attaccante rossonero

"Ora lavora in una grande società e ha obiettivi diversi. Sarà una serata particolare per lui, ma è un tecnico esperto e saprà come fare. Credo che comunque sarà un’emozione per Giampaolo, il primo derby non si dimentica. Mi ricordo il mio da debuttante: di là c’erano Ronaldo, Bobo Vieri, Zamorano, Zanetti… Una squadra super. E una partita incredibile, con loro in vantaggio con Ronaldo che si fa espellere, a metà del secondo tempo entro in campo e in pochi minuti pareggio, al 45′ segna Weah… Partita pazzesca”.

Il primo pensiero di Shevchenko, parlando di derby tra Milan e Inter

“Le coreografie dei tifosi. Non sarà mai lo stesso in un’altra partita: nel derby le curve creano cose fantastiche, non è così in nessun altro posto. Ho vissuto i derby di Londra, ma Londra ha tante squadre, l’atmosfera è bellissima, ma San Siro è differente e nelle sere di derby diventa fantastico”.

La costruzione di un nuovo stadio, l'opinione del CT dell'Ucraina

“La questione non è la costruzione in sé, ma il posto. Se faranno uno stadio nuovo e più moderno ancora lì, andrà bene. È una questione di luoghi, non di stadi. Le sensazioni sono legate a quel posto, a San Siro, un pezzo di storia dei due club. Se si muoveranno da lì, non sarà mai uguale”.

Milan Inter, il pronostico per questo derby

“Io non solo solito a fare pronostici ma sono curioso di vedere che cosa succederà. L’Inter è certamente più avanti, anche nell’evoluzione della squadra. Conte viene con un progetto, ma la base c’era già: se non ci fosse stata, non avrebbe scelto l’Inter. Conte ha vinto dappertutto, ha una base forte e gli hanno preso i giocatori che voleva. L’Inter è favorita, poi vediamo. Sapete come si dice: il derby è una partita a sé. E può succedere di tutto”.

© Copyright - Rossonerisiamonoi.it
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram