rossonerisiamonoi-milan-pioli-stefano-conferenza-stampa-milan-bologna
LaPresse
Tempo di lettura: 2 minuti

SHAMROCK MILAN PIOLI – Alla vigilia della partita di Europa League contro lo Shamrock Rovers, l’allenatore del Milan Stefano Pioli ha parlato ai microfoni di Dazn del match europeo e della nuova stagione in generale.

Shamrock Milan, le parole di Pioli

“Adesso si riparte, con grande volontà e attenzione e con lo spirito necessario per affrontare degli avversari che sicuramente staranno meglio di noi, perché giocano il campionato già da 12 partite. È una buona squadra, merita rispetto, ma abbiamo grande voglia di dimostrare che siamo il Milan“.

Su Tonali

“Un aggettivo per Tonali? Maturo. Sia nel modo di giocare sia nel modo di porsi, è un ragazzo molto serio. Deve recuperare la condizione perché ha avuto qualche problema nelle settimane prima di arrivare qua, ci vorrà un po’ di tempo. Ma è un ragazzo molto maturo, sa cosa vuole da questa esperienza”.

Su Ibrahimovic

“È il solito Ibra: determinato, voglioso, competitivo. Sta bene con noi, con la squadra, è voglioso di dare il contributo che ha sempre dato. Durante l’estate siamo sempre stati in contatto, anche prima dell’annuncio del rinnovo, non ci siamo mai lasciati e quindi quando è tornato a Milanello non c’era nulla di speciale da dirci. Sono sempre stato fiducioso sulla sua permanenza perché conoscevo il volere della società e quello del giocatore”.

Sulla nuova stagione alle porte

“Io di norma sono sempre positivo e fiducioso, soprattutto quando vedo i miei giocatori lavorare così bene. Qui a Milanello si respira un’aria positiva, c’è compattezza, condivisione con la società e con la proprietà. La nostra campagna acquisti è partita da lontano, volevamo dare continuità a quello che abbiamo costruito l’anno scorso, quindi il rinnovo di Zlatan, la conferma di Kjaer, l’acquisizione di Rebic: tutti segnali che ci hanno consentito di proseguire in quella direzione. Con i nuovi arrivi di Tonali e Diaz, la società credo abbia dimostrato di voler dare continuità, di voler crescere e provare a migliorare la squadra”.