rossonerisiamonoi-milan-pioli-stefano-allenatore-milanello
LaPresse
Tempo di lettura: 2 minuti

PIOLI NAPOLI MILAN – Un giorno qualcuno ha deciso di sottolineare l’importanza di “far di necessità virtu”: ecco questo detto ben si presta a descrivere l’atteggiamento di Stefano Pioli durante questo periodo di assenza forzata dai campi di Milanello. Il tecnico rossonero, ancora alle prese con la positività al Covid-19 al pari del suo vice Giacomo Murelli, non potrà partecipare all’importante trasferta di Napoli. L’ex allenatore di Lazio e Fiorentina probabilmente avrebbe pagato di tasca sua pur di essere fisicamente presente agli allenamenti settimanali in vista del match. Il Milan, dopo il mezzo passo falso casalingo col Verona, vuole e deve immediatamente riscattarsi per legittimare le proprie ambizioni di classifica. Isolato a casa però, il tecnico può far poco. O forse sarebbe meglio dire avrebbe potuto far poco se non fosse esistita quella magnifica cosa chiamata tecnologia. Un fattore sfruttato in pieno da Pioli per rendere meno dolorosa la sua lontananza.

Pioli, come ti preparo Napoli-Milan da casa…

La Gazzetta dello Sport oggi in edicola svela come il tecnico rossonero si sia ingegnato per stare il più possibile vicino ai suoi giocatori. Innanzitutto ogni mattina avvia una videochat coi propri collaboratori per fare il punto della situazione: sia sull’allenamento prossimo venturo che sulla condizione fisica degli infortunati. Dopo di che, nel pomeriggio, Pioli, collegato in video, parla ai giocatori negli spogliatoi seguendo il lavoro della sua squadra da remoto attraverso anche le immagini dall’alto provenienti dal drone che vola sopra i campi di Milanello. Solitamente poi, dopo la seduta pomeridiana, il tecnico parmigiano appronta una nuova riunione tecnica in videochat con il suo staff per analizzare il lavoro fatto sul campo.

I colloqui coi giocatori

Successivamente, tocca ai giocatori: colloqui telefonici individuali per caricare i ragazzi in vista della sfida del San Paolo. L’allenatore rossonero, insomma, non lascia nulla al caso. In attesa di riprendere anche fisicamente il timone della nave, Pioli guida da casa i suoi ragazzi. Nella speranza che l’isolamento fiduciario possa essere ricordato come una dolce parentesi della sua avventura rossonera…