rossonerisiamonoi-milan-pioli-stefano-allenatore-milan
LaPresse
Tempo di lettura: < 1 minuto

MILAN INTER PIOLI – Per qualche tempo la barca si è tenuta a galla. Poi ieri, proprio nell’occasione più importante, è affondata sotto i colpi di un’Inter tanto cinica quanto superiore in mezzo al campo. La differenza di condizione e di reattività tra i centrocampisti rossoneri ed i dirimpettai nerazzurri è apparsa evidente. La Gazzetta dello Sport oggi in edicola ha approfondito il tema legato ad un possibile cambio di modulo. Il comandante Pioli non ha infatti alcuna intenzione di lasciare da sola la ciurma, ma dovrà probabilmente apportare dei correttivi.

Pioli, le possibili variazioni dopo Milan-Inter

Il quotidiano milanese analizza nel dettaglio la situazione del centrocampo rossonero. Bennacer è out, Kessié é comprensibilmente stanco, mentre la condizione di Hakan Calhanoglu, causa postumi Covid, non è delle migliori. Proprio per questo il tecnico rossonero starebbe pensando ad un cambio di modulo. Uno schieramente che consentirebbe ad due degli interpreti del reparto – nel quale includiamo anche l’ancora acerbo Tonali, ndr – di rifiatare. Garantendo nel contempo una maggior protezione per la difesa, vero tallone d’Achille delle ultime gare. Nelle utlime tre partite la compagine rossonera ha infatti incassato ben sette gol: un’enormità. Al di là degli errori dei singoli, e di qualche coincidenza sfortunata -la parabole del gol del 2-2 di Belgrado ha sfidato le leggi della fisica, ndr – il problema c’è. Ed è reale. Pioli questo lo sa, e starebbe pensando di passare, per le prossime sfide, ad un più prudente 4-4-2. In attesa che tutti tornino a pedalare con l’entusiasmo di qualche settimana fa.