Milan, vendere per sanare il bilancio: Donnarumma, Suso e Kessié i possibili sacrificati

17 Ottobre 2019
- Di
Arianna Botticelli
Tempo di lettura: < 1 minuto

MILAN CALCIOMERCATO - Un record che nessuna società di calcio (e non solo) avrebbe mai voluto annoverare tra i propri libri contabili. Il Milan chiude il bilancio 2018-19 con una perdita di oltre 145 milioni. Una falla enorme, alla quale la dirigenza deve cercare subito di porre un freno. Il metodo più intuitivo è senza ombra di dubbio ricorrere al mercato e operare qualche cessione illustre.

Vendere per sanare il bilancio

Una cessione a gennaio, una a giugno. Come minimo. E' questo il piano della dirigenza rossonera per sanare il bilancio. Secondo La Gazzetta dello Sport gli indiziati principali a lasciare il Milan sarebbero Donnarumma e Suso. Per lo spagnolo sono state rifiutate offerte inferiori ai 40 milioni previsti dalla clausola, che poi è la cifra che il 'Diavolo' chiede per lasciarlo partire. Qualche mese fa hanno prevalso le esigenze tecniche, ora le priorità sembrano altre. Per quanto riguarda il portiere, l'unica offerta concreta giunta negli uffici di Maldini e Boban era quella del PSG: 20 milioni più il cartellino di Areola, proposta considerata inadeguata. 

Le alternative

Da Parigi il grande ex Leonardo potrebbe fare un tentativo per Paquetá, suo pupillo che proprio lui volle fortemente al Milan. Un altro che può avere mercato è Romagnoli, anche se nel suo caso sarebbe difficile da rimpiazzare con un profilo ugualmente all'altezza. Kessié è richiesto in Premier League dal Wolverhampton, lo stesso club che ha acquistato Cutrone. E forse proprio l'ivoriano potrebbe essere il giocatore più sacrificabile a gennaio.

© Copyright - Rossonerisiamonoi.it
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram