Milan, monte ingaggi ridotto: risparmiati 25 milioni

10 Settembre 2019
- Di
Arianna Botticelli
Tempo di lettura: < 1 minuto

MILAN INGAGGI - Nonostante le difficoltà nel vendere riscontrate questa estate, il Milan è riuscito comunque a portare a casa un risultato importante: ridurre il monte ingaggi della squadra. Un risultato ottenuto soprattutto grazie all'addio di diversi calciatori in scadenza: Riccardo Montolivo, Andrea Bertolacci, José Mauri, Cristian Zapata, Ignazio Abate. Ma anche dal mancato riscatto di un elemento dall'ingaggio elevato quale Bakayoko. Grazie a questi addii, il monte stipendi del Milan è sceso da 140 a 115 milioni; cifra che, come riportato da La Gazzetta dello Sport, lascia comunque i rossoneri tra le squadre più in alto in classifica sotto questo aspetto. In pole c’è la Juventus con 294 milioni, poi Inter e Roma con 139 e 125 e poi appunto il Milan.

Milan, gli ingaggi del calciatori rossoneri

L’ingaggio più alto della rosa del Milan resta quello di Gianluigi Donnarumma, con 6 milioni annui. A seguire il neo capitano Romagnoli e Lucas Biglia con 3,5; poi Suso, l'ultimo arrivato Rebic e Pepe Reina con 3. Con 2,5 ci sono Borini e Calhanoglu, 2,2 per Mattia Caldara e Frank Kessie, 2,1 per Ricardo Rodriguez e la cifra tonda 2 per CalabriaContiMusacchio e Bonaventura. La fascia sotto i due milioni si apre, quasi a sorpresa, con il bomber rossonero Krzysztof Piatek, con un ingaggio di "soli" 1,8 milioni. A seguire con Lucas Paquetá con 1,7, Castillejo, Theo Hernandez e Bennacer con 1,5, Leão con 1,4. Ultime posizioni per Krunic a 1,1, Duarte e Antonio Donnarumma con un milione. Chiude la classifica il giovane Matteo Gabbia che percepisce 600 mila euro all’anno.

© Copyright - Rossonerisiamonoi.it
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram