Kjaer è il muro del Milan: sempre in campo e insegnante per i più giovani

12 Novembre 2020
- Di
Arianna Botticelli
Tempo di lettura: 2 minuti

MILAN KJAER - Simon Kjaer è arrivato al Milan lo scorso gennaio attirando su di se i dubbi di tanti tifosi rossoneri. Il danese veniva da una metà di stagione deludente con la maglia dell'Atalanta, dove aveva giocato poco e senza grandi acuti. Per questo motivo, il suo acquisto da parte della società milanista non aveva aizzato le folle ma è bastato pochissimo per far ricredere tutti. Il danese non è partito tra i titolari, con Pioli che preferiva la coppia Musacchio-Romagnoli ma, anche per l'infortunio dell'argentino, Kjaer ha preso posto al centro della difesa del Milan e da lì non si più mosso. L'ex Palermo e Roma è diventato un perno della retroguardia rossonera, formando con Romagnoli una coppia perfettamente amalgamata.

Milan, Kjaer è il muro rossonero

In estate, la dirigenza milanista ha deciso di riscattare Kjaer dal Siviglia; sborsando una cifra irrisoria considerando il valore e l'importanza che il calciatore ha man mano preso all'interno del gruppo, soli 3,5 milioni di euro. Il danese non ha mai quasi commesso sbavature, regalando prestazioni di altissimo livello. In questa stagione, è sempre sceso in scampo: 7 partite su 7 in campionato e 6 su 6 in Europa League, se si comprendono anche i preliminari. È cambiato il suo partner difensivo, con Romagnoli che è tornato dall'infortunio rilevando Gabbia, ma lui è rimasto sempre lì al suo posto. Kjaer però, 31 anni e tanta esperienza anche europea sulle spalle, ricopre anche il ruolo di "insegnante" per i più giovani. Ha preso sotto la sua ala protettiva proprio Gabbia, ma ha anche fatto da mentore a Romagnoli che con lui ha acquisito ancor più sicurezza. Il danese è certamente uno colpi meglio riusciti da Maldini e i suoi uomini, l'elemento perfetto da integrare all'interno di un gruppo giovane e che vuole crescere. Lui è un muro, Pioli lo ha capito e dal campo non lo toglie più. Manca, però, ancora la ciliegina sulla torta: il primo gol con la maglia del Milan. E non dovrebbe essere complicato per uno che fa sentire la sua presenza anche nell'area di rigore avversaria. Arriverà, è solo questione di tempo.

Emanuele Catone

© Copyright - Rossonerisiamonoi.it
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram