Boban: "Pioli è stato sempre la nostra prima scelta, l'obiettivo è riportare il Milan a vincere"

9 Ottobre 2019
- Di
Arianna Botticelli
Tempo di lettura: 2 minuti

BOBAN MILAN - 9 ottobre 2019: inizia ufficialmente l'era Stefano Pioli al Milan. L'ex allenatore viola si è presentato alla piazza rossonera in conferenza stampa. Oltre al mister, hanno preso parola anche l'ad del club, Ivan Gazidis, e i responsabili del settore tecnico, Paolo Maldini e Zvonimir Boban. Queste le dichiarazioni di Boban sulla situazione del Milan.

Da Casa Milan
Alessandro De Felice

Cambio allenatore

"Non fa piacere essere qua per un cambio di allenatore, che è una sconfitta per tutti, anche a livello personale. Dobbiamo però andare avanti, con una scelta che pensiamo giusta per il Milan, così come quella che avevamo preso in estate. Faccio un in bocca al lupo a Stefano Pioli, un grande allenatore che arriva in un momento difficile".

Boban sul momento rossonero

"Se siamo qui vuol dire che ci sono delle responsabilità anche nostre. Anche da calciatore ho fatto partite da schifo e altre in cui sono uscito dallo stadio come un eroe per un gol. Non dobbiamo buttarci giù, almeno fino a quando non ci si rende conto che non stiamo più facendo il bene della società. L'importante è non perdere mai la dignità. Ci dispiace per questa situazione, ma è il calcio".

Boban su Spalletti

"Non parlo di Spalletti, validissimo allenatore, ma la nostra scelta è stata Stefano Pioli. È normale che ci siano in lista i nomi di tanti mister liberi, ma abbiamo puntato diretti su Pioli che è un tecnico che conosce il nostro club e la realtà del calcio italiano".

Il valore del Milan

"Non siamo la squadra più forte del mondo, ma non siamo neanche la squadra che si è vista finora. Con Pioli siamo convinti che si possa vedere un gioco migliore e qualità migliori rispetto a quanto visto fino ad ora".

Boban e gli obiettivi Milan

"Anche se siamo dirigenti dentro rimaniamo calciatori e il nostro obiettivo è vincere. Soprattutto se sei nel Milan. Dobbiamo puntare a migliorare per riportare il Milan dove deve. La società è normale che abbia tempi diversi, mentre noi che siamo qui tutti i giorni possiamo avere tempi alternativi, da sportivi. Ma è una cosa del tutto normale che la proprietà abbia altri parametri, come il Financial Fair Play, da prendere in considerazione".

Rimpianti e tifosi

"Siamo ogni giorno a lavorare per capire come fare grande questo Milan. Qualche giocatore di esperienza ci verrebbe utile, ma sappiamo che il mercato abbia delle dinamiche. Abbiamo puntato su determinate qualità tecniche in estate. Siamo quelli che siamo adesso e abbiamo molte più forze da mettere in campo. Sappiamo bene che possiamo fare tanto meglio. I tifosi? Possono dire quello che vogliono, rispetto il loro pensiero. Spero e speriamo di convincerli a cambiare opinione al più presto".

© Copyright - Rossonerisiamonoi.it
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram