Udinese-Milan 1-0: Rodrigo Becao rovina l'esordio di Giampaolo

25 Agosto 2019
- Di
Arianna Botticelli
Tempo di lettura: 3 minuti

UDINESE MILAN SERIE A - Parte male l'avventura di Marco Giampaolo sulla panchina del Milan. I rossoneri perdono di misura contro l'Udinese di Igor Tudor al termine di una sfida che ha visto i rossoneri in netta difficoltà dal punto di vista atletico e dello sviluppo della manovra. Alla Dacia Arena, decide una rete nella ripresa di Rodrigo Becao, difensore brasiliano arrivato in estate dal CSKA Mosca, con un colpo di testa sugli sviluppi di un calcio d'angolo.

Udinese-Milan: le scelte dei due tecnici

Nessuna novità nell’undici iniziale del Milan: Calhanoglu sostituisce l’infortunato Biglia con Paquetà al suo fianco, che vince il ballottaggio con Kessié. Tutto confermato in avanti con Suso alle spalle della coppia formata da Castillejo e Piatek. Nell’Udinese fuori a sorpresa Rodrigo De Paul: Tudor preferisce lasciare in panchina l’argentino, al centro di voci di mercato.

Il primo tempo di Udinese-Milan

In avvio - dopo i primi minuti di marca bianconera - il Milan controlla il possesso della palla. Tra i rossoneri, il più vivace è Calhanoglu (ammonito a metà tempo per un fallo su Mandragora), che si rende pericoloso prima all’8’ con un calcio di punizione e poi al 32’ con una botta dalla lunga distanza. Entrambi i tiri non centrano lo specchio della porta di Musso.

A guidare la manovra della squadra di Giampaolo è Suso, che si muove tra le linee e prova a creare superiorità numerica, senza però mai riuscire a calciare verso la porta di Musso a causa della densità dei bianconeri, che gli impedisce di prepararsi per la conclusione, così come Piatek: per il ‘Pistolero’ solo un tiro murato al 37’, al termine di una bella azione personale di Castillejo. Qualche minuto prima, esattamente al 25’, il polacco scappa verso la porta avversaria, ma Troost-Ekong è bravo a recuperare con un intervento in scivolata, impendendogli di calciare.

Dall’altra parte, i due attaccanti Lasagna e Pussetto cercano la via del gol ma non sono fortunati. Il primo tenta la conclusione a giro al 12’ ma sbaglia la mira mentre il secondo sfiora la rete con un colpo di testa su cross di Stryger Larsen.

A ridosso dell’intervallo, l’arbitro Pasqua – che nella prima frazione ammonisce anche Paquetà e Jajalo - viene richiamato all’attenzione dal VAR per un tocco di mano di Castillejo. Il contatto viene giudicato fuori area e dunque non viene concesso il rigore ai friulani. Udinese e Milan vanno a riposo sul risultato di 0-0.

Il secondo tempo del match

Nella ripresa, il copione della gara cambia con l’Udinese che fa valere la miglior condizione atletica ed è più pericolosa dalle parti della porta di Donnarumma. Ci provano prima Mandragora – su una brutta palla persa da Calabria – e poi Fofana con dei tiri dalla lunga distanza. Poi è Lasagna a girare di testa, senza però centrare lo specchio della porta, fino al 72’, quando gli uomini di Tudor sbloccano meritatamente il risultato: angolo del neo entrato De Paul e colpo di testa di Rodrigo Becao, che anticipa Kessié e firma l'1-0. Primo gol tra i professionisti per il difensore brasiliano, arrivato in estate dal CSKA Mosca.

Dopo il gol, il Milan - che in avvio di ripresa sfiora il gol con un tiro cross su calcio di punizione dal lato corto dell’area di rigore di Calhanoglu - non riesce a trovare la reazione ma al contrario rischia di capitolare per la seconda volta con un'altra conclusione da lontano di Mandragora, terminata di poco fuori.

Giampaolo si gioca il tutto per tutto e inserisce anche Leao e Bennacer, ma la storia non cambia. L’Udinese chiude tutti gli spazi e non concede nulla agli avversari. All'80', il VAR viene chiamato nuovamente in causa per un tocco di mano di Samir dopo un colpo di testa di Romagnoli sugli sviluppi di un corner. Per Giacomelli e il suo assistente Del Giovane non c’è nulla. L’ultima opportunità per il Milan capita sui piedi di Krzysztof Piatek, mai pericoloso nel corso del match: il polacco lotta con Rodrigo Becao, che riesce ad anticiparlo in area di rigore all’ultimo istante prima della conclusione a botta sicura, salvando il risultato. Dopo sei minuti di recupero arriva il triplice fischio di Pasqua che sancisce la fine: l'Udinese batte il Milan uno a zero.

© Copyright - Rossonerisiamonoi.it
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram