rossonerisiamonoi-milan-correa-angel-calciomercato
Getty Images
Tempo di lettura: 2 minuti

MILAN CORREA BOBAN – La storia infinita. La trattativa tra Milan ed Atletico Madrid per Correa non decolla da settimane, ma neppure finisce. Tra spiragli, aperture, rilanci e dichiarazioni, la telenevola continua. Secondo la Gazzetta dello Sport, la prossima settimana Zvone Boban sarà a Madrid per tentare l’utimo assalto. La distanza tra le parti rimane, nonostante l’ultimo rilancio del Milan. Un nodo importante, decisivo, è rappresentato dalla situazione Rodrigo: i colchoneros non riescono ancora a chiudere l’affare col Valencia, e questa impasse blocca il trasferimento di Correa in rossonero.

Rodrigo-Correa, destini incrociati

Anche secondo la stampa spagnola – col quotidiano AS in primis, Diego Simeone non intende privarsi di Correa se prima non ottiene dal Valencia il tanto desiderato Rodrigo. Una trattativa, quella per l’attaccante valenciano, anch’essa densa di colpi di scena. Una settimana fa pareva tutto fatto. Il presidente del Valencia aveva concluso l’affare quasi personalmente. Poi il dietrofront. C’è una clausola rescissoria – e che clausola, 120 milioni, ndr – : “Se l’Atletico vuole Rodrigo deve pagarla”. Questa la quasi irremovibile posizione della dirigenza giallo-rossonera. Il Milan, oltre alla nota volontà di non arrivare ai 55 milioni richiesti da Cerezo, presidente de los rojiblancos, spera che l’affare Rodrigo si concluda positivamente. Per poi sferrare l’assalto risolutivo.

Boban a Madrid la prossima settimana

Non è la prima volta che il CFO rossonero si scomoda in prima persona per una trattativa di mercato: fu così per sondare il terreno col Real per Ceballos, e forse anche per Mariano Diaz. Il tempo stringe, c’è la necessità di un colpo di mercato in grado di riportare entusiasmo tra i tifosi, un pò sfiduciati dopo l’ultima prestazione a Cesena. Ma soprattutto è Giampaolo a volere più di tutti Correa. Le palesate difficoltà in fase realizzativa, col bomber Piatek ancora a bocca asciutta, necessitano di una soluzione, in attesa che Rafael Leao si integri nei meccanismi tattici del mister. Samu Castillejo, attuale partner d’attacco del polacco e candidato numero uno ad affiancarlo anche ad Udine domani , non offre molte garanzie da questo punto di vista, non essendo oltretutto una vera e propria seconda punta.