Nuovo stadio, San Siro: ecco come avverrà l'ipotetica demolizione

25 Settembre 2019
- Di
Arianna Botticelli
Tempo di lettura: < 1 minuto

NUOVO STADIO SAN SIRO DEMOLIZIONE MILAN – Nella giornata di domani, giovedì 26 settembre, Milan e Inter mostreranno al pubblico i due progetti per il nuovo stadio. Quello del gruppo Populous e quello del gruppo Manica-Cmr Sportium. Nel caso in cui uno dei due venisse approvato, si procederò con la demolizione dello stadio San Siro. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, lo storico impianto che ha ospitato nerazzurri e rossoneri verrebbe demolito nell’arco di 235 giorni.

Nuovo stadio, le modalità della demolizione di San Siro

Come riporta il quotidiano, prima sparirà il primo anello, poi toccherà al secondo e in seguito al terzo, alle torri e alle coperture. Occorreranno tra i 10.500 e gli 11.300 viaggi di tir con capienza di 30 tonnellate per rimuovere e portare in discarica 125 mila metri cubi di calcestruzzo, 8.800 tonnellate di ferro delle armature e le altre 20 mila tonnellate della copertura metallica. Inoltre, per ridurre al minimo la polvere che si alzerà dalla demolizione delle tribune saranno utilizzate lance nebulizzatrici. Se non dovesse bastare si useranno i “Cannon fog”, cannoni che sparano acqua e aria. Uno dei passaggi più delicati riguarderà poi la copertura metallica che non può essere tagliata a pezzi. Bisognerà portarla a terra, da 50 a 5 metri, con un complicato sistema idraulico. Un’operazione complicata che, come detto, impiegherà circa 235 per essere conclusa.

© Copyright - Rossonerisiamonoi.it
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram