Milan fuori dall'Europa League: il comunicato del TAS

28 Giugno 2019
- Di
Arianna Botticelli
Tempo di lettura: 2 minuti

MILAN SENTENZA TAS EUROPA LEAGUE - Un'attesa snervante, ma la sentenza era già nell'aria. Il TAS ha deciso di escludere il Milan dalla prossima competizione europea, conquistata grazie al quinto posto in classifica della passata stagione. Niente Europa League, dunque. Questo per permettere al club rossonero di slittare il pareggio del bilancio di un anno: dal 2021 al 2022.

Milan sentenza Tas Europa: comunicato ufficiale

"Milan escluso come conseguenza della violazione degli obblighi di pareggio di Fair Play Finanziario durante i periodi di monitoraggio 2015/2016/2017 e 2016/2017/2018. La Camera giudicante è invitata a emettere un ordine procedurale in cui si prende atto del risultato dell'arbitrato e si terminano i procedimenti relativi al periodo di monitoraggio 2016/2017/2018, che sono diventati inutili".

Milan escluso Europa League: la storia

La vicenda inizia da una multa di 12 milioni arrivata al Milan per irregolarità di bilancio nel trienni 2014-2017. La cifra verrà trattenuta direttamente dai bonus europei, con un obbligo di bilancio entro il 2021. All'epoca dei fatti, il presidente rossonero era Yong Hong Li. Poi, il passaggio al fondo Elliot che ha concesso al club rossonero una chance di giocare, nella stagione 2018-19 l'Europa League. Il club milanese, in seguito, ha deciso per appellarsi al Tas e chiedere di procrastinare di un anno il pareggio di bilancio, previsto, come già detto, entro il 2021. La società, infatti, ha accumulato un disavanzo così elevato, che difficilmente si sarebbe potuto colmare in così poco tempo. La Uefa congela la sentenza e attende il responso del Tas, che oggi ha detto la sua diramando il comunicato ufficiale. Il Milan è ufficialmente fuori dall'Europa League.

Roma Torino Europa League

Grazie a questa sentenza, cambiano anche le sorti di altre due squadre italiane. La Roma, infatti, arrivata sesta in campionato, non giocherà i preliminari: partirà, dunque, direttamente dai gironi. Il Torino, di contro, inizierà le gare dal 25 luglio, prendendo il posto del club giallorosso. Entrambe le squadre, avevano già previsto la sentenza del Tribunale arbitrale dello sport, apportando modifiche alle rispettive preparazioni estive. Niente Pinzolo per la squadra del neo tecnico Fonseca, che ritarda il raduno di una settimana e che svolgerà il ritiro direttamente al quartier generale di Trigoria. Organizzazione contraria per i granata, costretti ad anticipare i tempi per arrivare pronti tra un mese alla prima gara europea.

Tags:
© Copyright - Rossonerisiamonoi.it
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram