Milan, Kessié nel post Cesena: "Devo lavorare tanto"

18 Agosto 2019
- Di
Arianna Botticelli
Tempo di lettura: 2 minuti

MILAN KESSIÉ GIAMPAOLO - Nel post partita di Cesena ha parlato anche Franck Kessié. Dopo lo scialbo pareggio ottentuo dai rossoneri, emerge un pò di preoccupazione nell'ambiente, considerando anche l'imminente inizio del campionato, che vedrà il Milan impeganto ad Udine domenica 25 alle 18. Il centrocampista ivoriano non ha voluto drammatizzare la prestazione di ieri sera, soffermandosi anche sulla sua condizione fisica e sul ruolo nello scacchiere di Giampaolo.

Le parole di Kessié sul Milan

Ai microfoni di Sky Sport, Kessié ha parlato della partita appena terminata:"Stasera il pareggio per noi non è buono, ma siamo ancora nella fase di preparazione, il campionato vero inizia settimana prossima. Siamo tutti pronti e carichi per iniziare. Dobbiamo aspettare il campionato. Due anni fa all’Atalanta avevo finito al quarto posto, ed era qualificazione per l’Europa League, l’anno scorso abbiamo dato tutto”.

La condizione fisica e le idee di Giampaolo

Relativamente alla sua condizione fisica ed all'inserimento negli schemi del mister, l'ivoriano ha detto: "Io ero in Coppa d’Africa, sono entrato a gruppo in corso. Devo lavorare tanto per recuperare il loro lavoro, devo capire anche il modo di giocare del mister. Ci sono differenze. Gattuso giocava 4-3-3 e Giampaolo 4-3-1-2. Dobbiamo capire e fare quello che vuole. Io non ho sentito niente, sono tornato e ho iniziato gli allenamenti con la squadra". Poi, sulla sua collocazione tattica: "Lo vedranno i dirigenti e il mister. Io sono qua per giocare. Dobbiamo dare di più degli anni scorsi e fare meglio. Sto cercando di fare questo, di andare al massimo e segnare di più".

Kessié: gli scenari di mercato

Per quello che riguarda la gerarchia degli intoccabili di casa Milan, Kessié non occupa una posizione di livello. Certamente i vari Strinic, Biglia ed André Silva sono tra i più papabili per una cessione, con le ovvie differenze individuali legate alla diversa monetizzazione che la società potrebbe ottenere. Kessié, spente le sirene inglesi di qualche tempo fa, non dovrebbe rischiare nulla. Tutto potrebbe però cambiare, qualora ci fosse la possibilità di un acquisto top che prevederebbe una cessione dolorosa ma necessaria. Ecco, l'ivoriano potrebbe essere tra i profili sacrificabili.

Articolo della categoria:

Seguici Su

Virgilio Degiovanni - From Hell to MetalandHomo Ethicus Oeconomicusil Salotto del CalcioVirgilio Degiovanni - From Hell to MetalandCorriere VinicoloProdotti GiuridiciAdvepa 3D for Business

Approfondimenti

© Copyright - Rossonerisiamonoi.it
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram