MILAN, ITALY - FEBRUARY 13: Paulo Dybala (R) of Juventus competes for the ball with Alessio Romagnoli (L) of AC Milan during the Coppa Italia Semi Final match between AC Milan and Juventus at Stadio Giuseppe Meazza on February 13, 2020 in Milan, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)
Tempo di lettura: 3 minuti

MILAN JUVENTUS PAGELLE – Una grande prestazione non basta al Milan per aggiudicarsi i primi 90 minuti della semifinale di Coppa Italia. Alla rete di Ante Rebic nella ripresa ha risposto il calcio di rigore trasformato da Cristiano Ronaldo a pochi istanti dal 90′. Altra grande prova della squadra di Stefano Pioli, che per poco manca il successo nella gara d’andata del doppio confronto contro la formazione allenata da Maurizio Sarri. Il prossimo 4 marzo all’Allianz Stadium di Torino si deciderà il passaggio del turno.

Donnarumma 6,5: Conferma il buon momento con un’altra grande prova. Compie un super intervento su Cuadrado nel primo tempo: il destro del colombiano è velenoso ma lui si distende e respinge. Nella ripresa è bravo in uscita su Matuidi. Prova a fermare Ronaldo ma non ci riesce.

Calabria 6: Torna dal 1’ dopo la panchina nel derby a causa della squalifica di Conti e firma la presenza numero 100 in rossonero. Va a un passo dal gol al 22’ con un destro che viene alzato in corner da Buffon. Si fa vedere in avanti con alcune buone incursione e riesce ad annullare Alex Sandro, che non è mai pericoloso. Prova a intervenire in maniera scomposta nel finale e causa il rigore che regala il pari alla Juve.

Kjaer 6,5: Pioli punta ancora una volta sul danese e lo schiera lasciando fuori Musacchio. Lui risponde presente e riscatta gli errori nel derby. Non rischia nulla ed è sempre puntuale negli interventi. Molto concreto.

Romagnoli 5,5: Dybala lo fa impazzire, sopratutto nel primo tempo. Emblematico il ‘sombrero’ dell’argentino. Il capitano del Milan fatica nel leggere alcune situazioni e non riesce a prevalere sugli avversari.

Theo Hernandez 5: Inizio propositivo del francese, che mette in grossa difficoltà De Sciglio. Spinge soprattutto nel primo tempo, quando viene ammonito per proteste. Poi completa l’opera nella ripresa con il secondo giallo per un fallo su Dybala a centrocampo.

Castillejo 6,5: Garanzia di sacrificio e qualità, non si risparmia mai. La palla per il gol di Rebic è meravigliosa. Peccato per l’ammonizione: era diffidato e non ci sarà a Torino (Dall’80’ Saelemaekers S.V).

Kessié 6,5: Sfiora il gol dopo meno di 2’ con un destro che fa tremare Buffon. E’ fondamentale nello scacchiere tattico di Pioli: nel 4-4-2 è colui che regala equilibrio ai rossoneri. Corre per tutti i 90 minuti e nel finale ha la palla della vittoria, ma il colpo di testa su sponda di Ibrahimovic è debole.

Bennacer 7: L’algerino è un gigante in mezzo al campo. Corre, lotta, recupera palloni e li smista, facendo ripartire l’azione offensiva. Fondamentale per questa squadra.

Rebic 7: Calcia, ci prova e riprova costantemente fino al gol. Nel primo tempo fa un paio di tentativo ma trova l’opposizione di Buffon, che non può nulla al 61′. Costretto ad uscire dopo l’espulsione di Theo Hernandez. (Dal 74′ Laxalt 6: Entra dopo il rosso di Theo. Si posiziona a sinistra e rischia poco).

Calhanoglu 7: Confermato nel ruolo di trequartista, è a suo agio nei panni di rifinitore. Pioli gli concede maggiore libertà e lui ne approfitta per inventare. Non si risparmia nemmeno in fase difensiva con qualche ripiegamento importante (Dall’86’ Paquetà S.V.).

Ibrahimovic 6,5: All’11’ prova la giocata sensazionale con il colpo di tacco che non centra lo specchio della porta. Risente il doppio impegno, dopo il derby, in pochi giorni e non è molto in palla. Come al solito, i compagni affidano a lui la costruzione offensiva. Ammonizione pesante: era diffidato e non ci sarà a ritorno.

Pioli 6,5: Conferma (eccezion fatta per lo squalificato Conti) in blocco l’undici che ha perso un rimonta contro l’Inter in una prestazione a due facce. Altra grande prova del suo Milan, che questa volta non si spegne dopo il primo tempo ma viene beffato nel finale da un rigore di CR7.