Milan-Feronikeli, le pagelle: Suso e Leao incantano, flop André Silva e Castillejo

11 Agosto 2019
- Di
Arianna Botticelli
Tempo di lettura: 3 minuti

MILAN PAGELLE - Il Milan supera 2 a 0 il Feronikeli nel match disputato a Pristina, la penultima amichevole dei rossoneri in preparazione alla nuova stagione, che prenderà ufficialmente il via tra due settimane. Ecco le nostre pagelle dei calciatori rossoneri:

G. Donnarumma 6: Spettatore non pagante, non viene praticamente mai chiamato in causa. Bravo a gestire la palla con i piedi (dal 46′ A. Donnarumma 6: Così come il fratello, non deve mai intervenire e quando è costretto a farlo devia sulla traversa il tiro di Rexha).

Calabria 6.5: Bravo in entrambe le fasi, riesce a contenere il diretto avversario e proporsi con continuità in avanti. (dal 46′ Conti 6.5: Buona prova dell'ex Atalanta, che è molto propositivo e si fa vedere spesso nella metà campo avversaria. Va vicinissimo al gol ma è sfortunato e colpisce la traversa).

Gabbia 6: Non è chiamato ad interventi particolarmente complicati. Gestisce bene il reparto in tandem con capitan Romagnoli ed bravo a farsi vedere anche in fase di costruzione. (dal 46′ Musacchio 5.5: solita partita di personalità. Da segnalare qualche piccola sbavatura: la condizione - non ancora al top - si fa risentire).

Romagnoli 6: Poco impegnato in fase difensiva, fa partire la manovra dalla difesa e imposta dal basso come richiesto da Giampaolo (dall'84' Laxalt sv).

Rodriguez 5.5: Jean Carioca prova a metterlo in difficoltà ma lo svizzero riesce a recuperare egregiamente. Poi più nulla sulla sua fascia: non si propone praticamente mai in avanti (dal 46′ Strinic 6: E' più propositivo rispetto a Rodriguez e spinge con coraggio. Nel finale, viene schierato al centro della difesa, proprio come già accaduto contro il Bayern Monaco).

Krunic 6: prima da titolare per l'ex Empoli, ancora in ritardo di condizione. Non riesce a spaccare la partita con la sua fisicità, ma porta a casa una prestazione sufficiente (dal 46' Borini 6.5: come al solito, fornisce una prova generosa. Viene premiato con la rete del 2-0, la seconda in questo pre-campionato, e la fascia di capitano indossata nel finale)

Biglia 6.5: in grande crescita, detta perfettamente i tempi di gioco della squadra rossonera. Bravo anche in fase di interdizione, si fa vedere in avanti in un paio di occasioni con conclusioni dalla distanza. (dall'84' Brescianini sv).

Calhanoglu 5: la qualità non gli basta. Il turco continua a soffrire nel ruolo di mezzala, rallentando spesso l'azione dei rossoneri. Giampaolo lo conferma proprio dove giocava con Gattuso in panchina, ma la musica non cambia. (dal 46' Paquetà 6: esordio stagionale per il brasiliano, che si ripresenta con qualche numero dei suoi. Ora dovrà mettere benzina nelle gambe in vista delle prime sfide ufficiali).

Suso 7: Giampaolo lo ha definito un fuoriclasse e luo non delude le aspettative del suo allenatore. È il punto di riferimento del gioco offensivo dei rossoneri. Quasi tutti i palloni passano per i suoi piedi ed è bravo a muoversi tra le linee e creare pericoli alla difesa avversaria. Corona una bella prestazione con la rete dell'1-0 direttamente su calcio di punizione. Non è sempre lucido, ma la condizione arriverà. (dal 46' Bonaventura 7: tra i più vivaci. Schierato nel ruolo di trequartista, sfiora il gol e offre qualche buona palla ai compagni. Il suo recupero è sicuramente un'ottima notizia per Giampaolo. Dall'84' Maldini sv).

Castillejo 5: Non scatta praticamente mai sul filo del fuorigioco alla ricerca della profondità. Si muove tanto, ma è ancora una volto poco incisivo (dal 46' Rafael Leao 7.5: all'esordio assoluto con la maglia del Milan, mostra subito le sue qualità. Ama sfidare nell'uno contro uno gli avversari e molto spesso li salta senza troppe difficoltà. Suo l'assist per il 2-0 di Borini, mentre sul servizio splendido di Bonaventura fallisce una clamorosa chance).

André Silva 5: 45 minuti di anonimato per il portoghese, che prova a svegliarsi dal torpore a pochi istanti dall'intervallo con una girata che si spegne di poco a lato (dal 46' Piatek 5.5: il polacco appare ancora una volta in difficoltà e manca l'appuntamento con il gol. Solita prova di cuore, ma è necessario che la condizione migliori).

Giampaolo 6.5: l'avversario non era dei più temibili, ma arrivano nuove risposte dalla sua squadra. I rossoneri giocano in maniera ordinata, non concedendo quasi nulla in fase difensiva e attuando un pressing alto di squadra che mette subito in difficoltà gli avversari. La condizione sta migliorando, le idee ci sono.

© Copyright - Rossonerisiamonoi.it
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram