rossonerisiamonoi-milan-kessié-franck-rigore-milan-torino
LaPresse
Tempo di lettura: 2 minuti

MILAN TORINO MOVIOLA – Il match di ieri sera tra Milan e Torino non verrà ricordato solo per il ritorno alla vittoria del gruppo rossonero, fermato dalla Juve appena tre giorni prima dopo 304 giorni d’imbattibilità. L’incontro di San Siro è stato infatti caraterrizzato da tante decisioni arbitrali controverse. La direzione di Maresca – coadiuvato, si fa per dire – da Giuda al VAR ha infatti lasciato molto a desiderare. Al di là dei due principali episodi da rigore, che ora analizzeremo nel dettaglio, tutta la gestione della gara, in termini di fischi e cartellini, può ritenersi insufficiente. L’utilizzo del VAR ha scontentato soprattutto la controparte granata, come evidenziato anche dalle dichiarazioni post partita. Vediamo i fatti salienti di San Siro con la lente d’ingrandimento della nostra moviola.

La moviola di Milan Torino

32′ Brahim Diaz entra dalla destra in area di rigore e, dopo aver saltato Verdi, punta Belotti che lo atterra. C’è contatto tra i due, ma inzialmente Maresca lascia correre. Richiamato al VAR da Guida, l’arbitro va a rivedere il tutto all’On Field Review. Segue una lunga analisi alla fine della quale il direttore di gara decide di concedere il rigore lasciando però diversi dubbi. Lo spagnolo del Milan sembra infatti già in caduta quando avviene l’impatto col centravanti granata.

50′ Rigore per il Torino: Verdi raccoglie un passaggio di Belotti, e al momento di calciare impatta il milanista Tonali. La dinamica sembra identica al rigore concesso per errore alla Roma proprio contro il Milan per il contatto PedroBennacer. Inizialmente Maresca concede il calcio di rigore, ma poi viene richiamato da Guida. Dalle immagini appare chiaro che Tonali interviene sulla corsa dell’avversario toccandolo sulla schiena, ma contestualmente è lui ad essere colpito da Verdi. Il fischietto di Napoli torna dunque sui suoi passi cancellando il penalty.

80′ Giallo a Leao per simulazione. Anche qui decisione errata di Maresca, che non giudica meritevole di fallo l’entrata di Murru sull’attaccante portoghese.

Rispondi