rossonerisiamonoi-milan-ronaldo-calabria-milan-juventus-rigore
Getty Images
Tempo di lettura: 2 minuti

MILAN JUVENTUS MOVIOLA – Match spigoloso e denso di episodi da moviola quello andato in scena ieri sera tra Milan e Juventus. La direzione arbitrale del sig. Valeri ha lasciato molto a desiderare, scontentando un po’ tutti. Vediamo tutte le situazioni contestate con la lente d’ingrandimento della nostra moviola.

La moviola di Milan-Juventus: il primo tempo

Minuto 7′: Ramsey a terra in area di rigore dopo un contatto con Bennacer. Effettivamente il contatto c’è, ma Valeri non ha dubbi e non fischia il rigore in favore della Juventus. Resta un po’ di perplessità.
Minuto 30′: ammonito Ibrahimovic che salta con il gomito largo su de Ligt. Arriva il giallo, giusto, per lo svedese che era diffidato e salterà il match di ritorno. Chiamato anche un silent check per capire se l’intervento sia da rosso: viene confermato il giallo ma qualche dubbio resta.
Minuto 41′: arriva anche il giallo per Theo Hernandez per una dura entrata su Dybala. Nella stessa azione non era stata però chiamata una vigorosa spinta dello stesso Dybala su Bennacer (assolutamente da sanzionare). Theo Hernandez era diffidato e salterà il ritorno. Ammonito anche Stefano Pioli per proteste.
Minuto 44′: Cuadrado si prende una gomitata da Kessié all’altezza del limite dell’area, c’è il silent check ma non viene ravvisata alcuna sanzione. Poteva starci almeno il giallo per il centrocampista ivoriano del Milan.

Milan-Juventus: gli episodi da moviola della ripresa

Minuto 58′: ammonito Kessié per un fallo in ritardo su Dybala: giusto il giallo per il centrocampista rossonero.
Minuto 65′: manata di Rebic su Cuadrado nell’area di rigore del Milan. Valeri non fischia nulla. Dal silent check nessuna chiamata a Valeri per rivedere l’episodio in chiave assegnazione rigore: restano dubbi.
Minuto 69′: fallo di Castillejo in attacco. Lo spagnolo contesta il fischio e getta via il pallone: ammonito. Anche lui era diffidato e salterà il ritorno.
Minuto 71′: secondo giallo per Theo Hernandez che lascia il Milan in 10 nel finale di gara per un fallo sempre su Dybala. Giusto il giallo.
Minuto 88′: Ronaldo chiede il rigore per un braccio di Calabria in area sulla sua conclusione in mezza rovesciata. Valeri va a rivederla alla VAR e concede il rigore per il braccio largo del difensore del Milan. Calabria salta senza vedere la palla, ma aumenta il volume del corpo con il braccio largo: non viene ravvisato alcun movimento congruo dell’arto e quindi è rigore. Puo’ starci, ma l’episodio sembra identico a quello richiamato più volte dal designatore Rizzoli in CagliariBrescia e derubricato come “rigore da non assegnare”.