Giampaolo: "Piatek il rigorista, André Silva condizionato. Bennacer? Gioca chi sta meglio. Correa..."

24 Agosto 2019
- Di
Arianna Botticelli
Tempo di lettura: 4 minuti

Prima conferenza stampa pre-partita della stagione per Marco Giampaolo. L'allenatore del Milan ha presentato nella sala stampa del Centro sportivo di Milanello l'esordio stagionale contro l'Udinese, in programma domani alle 18 alla Dacia Arena. Ecco le parole del tecnico rossonero:

La tabella di marcia

"Il lavoro lo abbiamo portato avanti così come lo abbiamo programmato, sono arrivati in ritardo alcuni calciatori. Quando comincia il campionato le sedute diminuiscono e chi è arrivato tardi ha bisogno di più tempo. Con i ragazzi con cui abbiamo cominciato l'avventura abbiamo lavorato sui dettagli, gli ultimi arrivati sono più indietro. Questo lo sapevo già. Anche gli ultimi arrivati stanno lavorando bene".

Le amichevoli

"Sono state diverse per il tipo di avversario: squadre che giocavano con sistemi diversi, che ci venivano a prendere in maniera diversa. Sono state sei partite utili, fa tutto parte del processo di apprendimento. Sono sereno perché i calciatori mi seguono e non possiamo fare altro che migliorarci".

Essere al Milan

"Per me è un sogno, è una grande chance, ma lo è anche per i calciatori. Sono in un ambiente straordinario, in una struttura di lavoro eccellente, se qui vuoi lavorare hai da sbizzarrirti. C'è molto calore attorno alla squadra. Ho l'idea di dove bisogna arrivare e attraverso quali step. Ho bisogno di tempo per lavorare coi calciatori, un modello di gioco che portiamo avanti senza passi indietro anche di fronte alle difficoltà".

Calhanoglu e non Bennacer

"Giocano quelli che stanno meglio sul piano fisico e delle conoscenze collettive. Magari staranno fuori giocatori forti ma di cui oggi non conosco ancora la condizione. Bennacer non stava male quando è arrivato, ha lavorato a casa, domani può fare uno spezzone di partite, ci sarà modo di inserire tutti gli altri. Abbiamo la necessità di portare tutti nel nostro progetto".

Milan in ritardo?

"Domani il Milan deve essere competitivo, scendono in campo undici giocatori veri. Le partite si giocano anche sulla voglia di vincere e si va oltre gli aspetti tecnico tattici, domani la squadra deve essere competitiva".

Suso

"Il calcio non è soltanto un parere tecnico, ho allenato un calciatore ed esprimo un parere tecnico. Le parole di Capello? Ha giocato sempre esterno e nella visione di tutti è un esterno. Anche io all'inizio avevo qualche dubbio, ma il calciatore mi ha dato ampie disponibilità, ha fatto cose egregie lì. I giocatori forti offensivi possono giocare ovunque. Suso non ha mai fiatato, non si è mai rifiutato. Sono felice che resti ma il mercato non è chiuso e può succedere di tutto".

Piatek e l'astinenza da gol

"Non sono preoccupato, Piatek ha caratteristiche particolari, è un giocatore più di profondità che di palleggio. Giocando con un altro giocatore al fianco può togliersi di dosso le attenzioni. Ha mostrato un livello di fatica più alto degli altri, presumo debba fare un percorso naturale di smaltimento delle tossine. Ha avuto diverse occasioni per fare gol, il fatto che non ne abbia fatti non mi sposta niente, non ci bado. Bado alla sostanza delle cose, a quella che è la prestazione offensiva della squadra".

Soddisfatto della rosa

"I dirigenti sono stati grandi calciatori, conoscono le dinamiche. Non gli manca il punto di vista tecnico, quando mi confronto con loro vengono fuori delle raffinatezze. Sanno bene cosa fare. Qualche volta posso sbagliare qualcosa anche io. Mi lamento quando coi calciatori non c'è passione. Mi innamoro dei calciatori, ma non degli inaffidabili e di quelli che 'timbrano il cartellino'".

Il Milan una piazza importante. Ha paura?

"Faremo in modo di creare una critica positiva, quando sei dedito al tuo lavoro, 18 ore al giorno, non devi aver paura di niente. Galeone ha detto che è meglio affogare in un oceano che in un bicchiere d'acqua".

Obiettivo Champions

"Per quell'obiettivo corrono tante squadre, Milan compreso. Per storia, per blasone, il Milan deve correre per quell'obiettivo ma non è il solo. Lo deve fare insieme ad altre squadre".

Il rapporto con Gattuso

"Non l'ho sentito, ma so che ha qualche pescheria e ristorante a Gallarate e presto ci andrò".

Le chiavi di Milanello e le sue emozioni

"Le chiavi del centro le ho, passo buona parte delle giornate a Milanello. Non godo del momento, non mi rendo ancora conto. Sono stato sempre così e fa parte di me".

La situazione infortunati

"Mi è dispiaciuto perdere Lucas, stava facendo bene, mi piace l'uomo e il calciatore. Poi ci sono gli infortunati di lungo corso, come Caldara. Theo spero possa riprendere a breve, lo stesso Reina. Bonaventura lo stiamo reinserendo piano piano".

Il rigorista

"Sarà Piatek. Ci sono stati casini con i rigoristi al Milan negli anni passati. Il rigorista è sempre un attaccante".

Serve un acquisto d'esperienza?

"Non lo so, non ci penso, brucerei energie nervose. Mi concentro su quelli che ho. Chi è nella stanza dei bottoni sa cosa fare in caso di possibilità".

Ancora sull'essere al Milan

"Essere al Milan è un privilegio, è una cosa che capita a pochi nella vita. Loro hanno tutte le condizioni per far bene il lavoro che fanno. Il Milan ha una tifoseria di milioni e milioni di persone in tutto il mondo. C'è un seguito straordinario allucinante, basta questo per capire cos'è il Milan".

Un Milan rodato e con l'undici tipo per il derby?

"Anche domani voglio vedere il mio Milan. Credo che la qualità dei calciatori possa farci migliorare in questo tipo di step, è sempre il calciatore che fa la differenza nelle qualità. Gran parte del lavoro è passato, la perfezione non esiste, è un'illusione. Sono convinto di vedere il Milan migliorare sempre nel tempo, capisco poi che si debbano fare risultati".

La situazione di André Silva

"André Silva è un po' condizionato dal mercato ma si allena bene, non sta lì ad aspettare. Ci conto. Ad oggi per me è un calciatore del Milan, se domani ne avrò bisogno lo farò giocare. E' un giocatore del Milan, poi si vedrà. Confido molto nella sua serietà professionale".

Un giudizio su Correa?

"Non lo conosco (ride, ndr)"

Aspettative sulla partenza della stagione

"Si può partire bene, male, può succedere tutto in un campionato. Le valutazioni vanno fatte su quello che tu hai. C'è chi è deputato a giudicare il nostro lavoro, dipendiamo dai risultati, sono orientato e concentrato sul lavoro, solo quello può farci svoltare, così come le qualità dei calciatori, ma essendo al Milan ho calciatori di valore".

A che punto sono Leao e Duarte?

"Hanno fatto pochi allenamenti entrambi, dimostrano disponibilità e curiosità. Sono giocatori che sono dentro, si impegnano, cercano di capire prima e velocemente le cose che chiediamo".

Articolo della categoria:

Seguici Su

Virgilio Degiovanni - From Hell to MetalandHomo Ethicus Oeconomicusil Salotto del CalcioVirgilio Degiovanni - From Hell to MetalandCorriere VinicoloProdotti GiuridiciAdvepa 3D for Business

Approfondimenti

© Copyright - Rossonerisiamonoi.it
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram