Desailly: "Maignan e Leao non sono ancora top player. Milan e Juventus possono insediare il Napoli"

25 Novembre 2022
- Di
Redazione RS
Marcel Desailly con Didier DESCHAMPS
Tempo di lettura: 2 minuti

DESAILLY MILAN - In questi giorni in cui il Milan con i suoi giocatori si sta mettendo in mostra ai Mondiali del Qatar chi meglio dell’ex rossonero Marcel Desailly, poteva intervenire per condurre un’analisi dei singoli giocatori e del Milan come squadra. Lo ha fatto sulle pagine de La Gazzetta dello Sport. Queste le sue parole. 

L'analisi di Desailly sul Milan di oggi 

"Mi piace il mix tra giovani ed esperti. Va bene vincere lo scudetto ma la cosa più difficile è consolidarsi. Qui si vede che si stanno ricreando le basi degli anni Ottanta e Novanta, quando era il club migliore al mondo. Il Milan è di nuovo vivo".

Desailly su Maignan

"Ora no, perché è infortunato. Per il Milan però è super importante e può migliorare ancora tantissimo".

Theo Hernandez terzino più forte del mondo?”, risponde Desailly

"Sì, ha questa capacità di essere un camaleonte, di cambiare la sua funzione all’interno della squadra".

Desailly sulla crescita di Giroud al Milan

"Lo stile di Pioli è perfettamente in linea con le sue qualità e il Milan aveva bisogno di un calciatore di esperienza, capace di fare la differenza nei momenti importanti. Perfetti uno per l’altro".

Troppo, per Desailly, paragonare Henry a Leao

"Calma, qui si parla di Henry. A me sembra che Leao sia diventato una star ancora prima di diventare una star. Ha un potenziale enorme ma non mi dà l’impressione di essere spietato. Thierry e Zizou volevano essere i migliori, io chiedo a Leao di forgiare il suo carattere: al momento il paragone non ci sta".

Desailly sulla Serie A

"Amo l’energia del Napoli ma dubito che possano tenere psicologicamente fino alla fine. Non hanno la rosa per reggere. Juve e Milan possono approfittarne. Non ho dei giocatori preferiti ma mi piace Tonali, col suo numero 8. E Chiesa: ho giocato contro suo padre, Federico è la copia carbone".

Il parere di Desailly su Kvara, Vlahovic, Lautaro

"Lautaro può farlo. A me piace molto Vlahovic ma vuole davvero diventare il migliore? Mbappé e Haaland mostrano di sì, mentre Vlahovic per intensità sembra un tono sotto. Nonostante questo, ha testa, piede e il talento per essere un Van Basten della sua epoca".

Articolo della categoria:

Seguici Su

Virgilio Degiovanni - From Hell to MetalandHomo Ethicus Oeconomicusil Salotto del CalcioVirgilio Degiovanni - From Hell to MetalandCorriere VinicoloProdotti GiuridiciAdvepa 3D for Business

Approfondimenti

© Copyright - Rossonerisiamonoi.it
chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram