rossonerisiamonoi-milan-leao-rafael-gol-benevento-milan
LaPresse
Tempo di lettura: < 1 minuto

BENEVENTO-MILAN – Benevento-Milan è stata condizionata dall’espulsione di Tonali, che ha lasciato i rossoneri in dieci per un’ora. Per fortuna alla fine il risultato è stato comunque positivo per gli uomini di Pioli, nonostante quel brutto fallo dell’ex bresciano. Il suo intervento in effetti era da rosso ma il giorno dopo la Gazzetta dello Sport ha sollevato un importante e legittimo dubbio.

Benevento-Milan, il rosso a Tonali

Al 32’ è stato infatti l’addetto al Var Di Paolo a consigliare la review al collega in campo che inizialmente aveva estratto solo un cartellino giallo per l’intervento su Ionita. Il problema è che da regolamento questo dovrebbe succedere solo in caso di chiaro ed evidente errore. E questo non sembra sia successo nell’occasione. Senza la chiamata il Milan sarebbe rimasto in parità numerica e Tonali avrebbe giocato magari condizionato dal giallo ma senza ulteriori problemi.

Rigori

Per il resto, giusti i due rigori, uno per parte, ma ce ne sarebbe stato anche un altro. Al 12’ contatto Diaz-Caprari in area rossonera: l’arbitro ba lasciato correre, ma concedere la massima punizione non sarebbe stato un abbaglio. Infine al 27’, Pasqua si è perso il fallo di Calabria su Caprari: ci sarebbe stato il giallo, non il rosso, perché c’era almeno un difensore ospite che può poi intervenire nell’azione.

Rispondi